Immersioni

PUNTI DI IMMERSIONI SIA DA BARCA CHE DA RIVA NEI NUMEROSISSIMI SITI DELLA COSTA JONICA E SALENTINA.

Presso l’Isola S. Andrea ( con estensione di un km quadrato di origine vulcanica con all’interno un lago di acqua salata visitato da uccelli migratori, mentre stanziale è il raro gabbiano corso distante  un miglio nautico da Gallipoli) oltre ad offrire paesaggi e tramonti straordinari è possibile effettuare diversi tuffi: 

  1. Secca di S.Andrea: a circa 150 mt dall’omonima isola, con un fondale che degrada dai -3 metri  fino a -18 metri. Presenta delle pareti ricche di spugne, coralli, briozoi e che precedono la zona coralligena. Si tratta di un vero e proprio acquario naturale dove la biodiversità la fa da padrona. “Infinite” sono le specie ittiche che si possono incontrare, anche se di taglia piccola. In tale immersione è possibile fare visita alla Madonnina di Aradeo in una piccola grotta;
  2. Ancora dell’ammiragliato:a circa 300mt dall’Isola è possibile visitare un’ancora dell’ammiragliato  risalente al  1700d.c. che si staglia verso l’alto ,lunga più di 2metri con una marra incastonata nella roccia. Proseguendo con l’immersione verso sud si trova una parete che degrada fino a-25mt, sulla quale è possibile trovare spugne alberello, gorgonie bianche e nelle spaccature piccole aragoste. Sulla nostra testa spesso c’è il passaggio di pelagico di grossa taglia, quindi occhio!
  3. Grotta degli scorfani: Su una parete ad est dell’Isola è possibile visitare questa piccola grotta abitata da numerosi scorfani spesso in compagnia di piccole Magnose (cicale di mare) , il soffitto è tappezzato di vermi a ciuffo bianco e di notte diventa la casa di grossi saraghi e corvine. Passata la grotte si prende direzione est per scendere intorno ai -16 metri dove è possibile vedere branche di ricciole, saraghi fasciati, murene e cernie brune di piccola taglia. Non poco frequente il rinvenimento di cocci di anfora e vasellame di interesse storico archeologico;
  4. Punta di Tramontana: L’appassionato di archeologia subacquea si trova nel suo habitat. Già a pochi metri di profondità si intravedono i resti di antichi naufragi. Cocci di anfore sono disseminati dappertutto, non sono rari colli di anfora ed ancore litiche risalenti al terzo secolo A.C. .. Un’immersione adatta a tutti , si arriva a -12 mt di profondità, dove è possibile trovare polpi la cui tana è fatta da cocci di anfore o vasi , l’incontro con nudibranchi di diverse specie è garantito come anche murene di grossa taglia.
  5. Notturne all’Isola di S. Andrea: tutto quanto descritto sopra è possibile, in tutta sicurezza, visitarlo di notte. Numerosi fotografi subacquei hanno commentato l’eccezionalità del fondale: cavalucci, alicia mirabilis , polpesse, calamari, corvine, gamberetti meccanici, gamberi vinai, ecc. sono avvistamenti possibili. Indimenticabili immersioni di circa 70 minuti in cui l’appagamento è totale… ,all’uscita ad accoglierci un cielo stellato lontano dall’inquinamento luminoso della città ;
  6. Canaloni:A sud ovest del faro a circa -14 metri di profondità è possibile effettuare percorsi subacquei all’interno di canaloni creati dalla spaccatura di grosse rocce ricoperte di vita bentonica (alghe, spugne, posidonia oceanica, ecc.); durante tali passaggi si incontrano innumerevoli specie animali: saraghi, cernie dorate, scari: pesci pappagallo, donzelle pavonine ecc..

Grotte lungo la costa Salentina: per gli appassionati un vero paradiso se ne contano circa 20, sono in parte di facile penetrazione mentre le altre necessitano di brevetti specifici.

  1. Grotta delle Corvine, una delle grotte più belle della costa salentina. Molto ampia con profondità di entrata -12mt e lunghezza di circa 58mt, dopo aver attraversato la grande sala , sulla parte destra  all’interno si accede  in due sifoni con uscita in tre bolle di aria  ricche di formazioni calcaree che formano delle stupefacenti stalattiti, una in particolare è molto suggestiva e  viene chiamate da noi sommozzatori l’unghia del diavolo. Altra caratteristica  della grotte è l’enorme biodiversità , con specie ittiche e fauna  diversificate tra le quali le famose corvine, nudibranchi, re di triglia , gamberetti ,ghiozzo leopardo, ecc..
  2. Grotta Roversi
  3. Grotta Bengasi
  4. Grotta della Reggia
  5. Grotta della Spaccata
  6. Grotta dei Cerianthus
  7. Grotta del Ciolo
  8. Grotta il Buco
  9. Grotte della Sorgente
  10. Grotta di Uluzzo
  11. Grotta del Presepe
  12. Grotta Marras
  13. Grotte di Punta Lea
  14. Grotta del Camino
  15. Grotta torre Inserraglio

 Relitti: numerosi sono i relitti presenti nel nostro mare e per tutti i livelli.

  1. Il  relitto dello Junker 88 un aereo della 2^ guerra Mondiale in perfetto stato di conservazione è adagiato su un fondale di -30mt adatto quindi per sub avanzati , come anche il relitto del Neuralia nelle sua vicinanze , una nave divelta in più tronconi i cui anfratti sono ricchi di fauna. Un altro Relitto adatto a tutti visto la sua collocazione è quello della Lira che giace a -13mt, molto bello di notte o per foto suggestive vista l’elica che si staglia verso l’alto. Inoltre per i profondisti si segnala il relitto della Caterina Madre adagiato su un fondale di -60mt, che però già a -40mt lo si può ammirare in tutta la sua bellezza.
  2. Relitto Frangi
  3. Relitto Lira
  4. Relitto Neuralia
  5. Relitto Caterina Madre
  6. Relitto Capitano Tevnik
  7. Relitto Caterina Madre (in Tek)
  8. Relitto Quail (in Tek)

Le secche rigogliose  con spaccature ed anfratti ricchi di vita, in quelle più profonde si trovano a convivere su pezzi di roccia Gorgonie Rosse e Gialle, Corallo Rosso e Corallo Nero. Profondità max -50mt/-60mt

  1. Secca corallo nero, molto bella per la presenza di coralli tipici del mediterraneo tra questi Gorgonie rosse e gialle, corallo nero e la Gerardia Savaglia (falso corallo nero) tra gli zoontari la più ricercata per la bellezza dei suoi polipi..
  2. Secca Ok
  3. Secca Caracol
  4. Secca di Scirocco
  5. Secca Adele
  6. Secca del Colonnello
  7. Secca Rosy
  8. Secca Eros
  9. La scaledda
  10. Il pizzo                   

Attività addestrativa in materia di sommozzatore per protezione civile, sia in acque confinate che presso insenature naturali della costa. Profondità max -12mt

Attività ambientale per la salvaguardia dell’ambiente marino


In tutte le escursioni ci sono a disposizione guide ( nr.1 ogni 5 sub) ben preparate che vantano un’esperienza ventennale.

PER PRENOTARE CLICCARE SULL’APPOSITO LINK ,OPPURE dcgallipoli@libero.it – cell. 3272866030 -


sponsor ufficiale: